Crea sito

Hatt TBS Realizzazione

Che ne dite di passare alla pratica?
Ora ci serve un prototipo per cominciare a fare delle misurazioni e vedere quanto il simulato si discosta dalla realtà!Per cui, tagliamo il legno con la nostra bella sega da banco…… foriamo i due pannelli frontali con le nostre frese a tazza…… e già che ci siamo, usiamo anche la nostra fantastica fresa verticale per l’incasso dei tweeter.Taaaa daaaaa!!!!!

Accorgimenti particolari
L’obiettivo è quello di combattere l’effetto “medio intubato” dato dallo spessore del pannello.Nella mia precedente realizzazione (Hatt SS) ho usato pannelli di 19mm senza alcuna attenzione a questo argomento. Come risultato ho ottenuto un CSD non molto soddisfacente per un mini diffusore.

Questa volta ho deciso di utilizzare un pannello da 16mm. Lo spessore ridotto, però, non è sufficiente. Ho voluto anche fresare il pannello posteriore per asportare altro materiale e lasciare più “aria” al Seas.

Ho prima di tutto forato il pannello nei punti di fissaggio del woofer, quindi, disegnato a matita la zona da asportare. Nei punti di ancoraggio lasciamo più legno in modo da lasciare grip sufficiente per le viti:

IMG_0182

Ora riprendiamo la nostra simpaticissima fresatrice (prestate sempre la massima attenzione con questo elettroutensile, è molto pericoloso in caso di disattenzione) e fresiamo la zona a mano libera… risultato una bella “margherita”!

IMG_0184

Già che ci siamo asportiamo anche un po’ di materiale in corrispondenza dei terminali del tweeter. Il lavoro sui primo baffle è terminato.

IMG_0183

Entrambi i pannelli sono pronti:
IMG_0186

Vista posteriore del Seas:
IMG_0185

Assemblaggio

Ho scelto di inaugurare la mia nuova guida per tassellare, non tanto per la tenuta meccanica, quanto per fare un po’ di esperienza con questo nuovo strumento e per velocizzare le operazioni di incollaggio dei pannelli.
IMG_0192
IMG_0191

I pannelli sono pronti:
IMG_0194

Prove di assemblaggio:
IMG_0193

Incollaggio

Poverine sono un po’ sotto pressione! 

IMG_0195

Fonoassorbente

Per il fonoassorbente ho scelto due prodotti della Mappy Italia in modo da agire su uno spettro di frequenze più ampio e diversificato.

Sono ampiamenti diffusi e si trovano anche presso Leroy Merlin.

Bugnato da 30mm (1mx1m prezzo circa 11€):
http://www.mappyitalia.com/template.php?pag=18246&id_cat=3&id_sotto_cat=12&id_nm=27&pagina=1

Coefficiente di assorbimento:

Materassino di fibra di poliestere da 50mm (1mx1m prezzo circa 17€):
http://www.mappyitalia.com/template.php?pag=18246&id_cat=3&id_sotto_cat=13&id_nm=31&pagina=2

Coefficiente di assorbimento:

Attenzione i grafici si riferiscono ai nostri prodotti ma di diverso spessore.

Bene, siamo pronti per l’applicazione.

E’ molto importante fissare il fonoassorbente alle pareti e non lasciare che sia libero di muoversi.

Per questo useremo del semplice biadesivo per moquette che si adatta benissimo allo scopo:

IMG_0211

IMG_0212

IMG_0216

 

Mi preparo a montare gli ap in cassa, naturalmente utilizzando una guarnizione al neoprene per evitare spifferi:

img_0224

 

Il prototipo è pronto! 

IMG_0190

 

 

Aggiornamento del 28.02.2012 – Crossover

img_0286

 

Aggiornamento del 17.03.2012 – Finiture

Angoli smussati a 45°:
IMG_0290

img_0291

Fondo alla nitro:
IMG_0292

img_0295

Carteggiatura:
IMG_0303

 

 

Aggiornamento del 10.04.2012

 

Verniciate a bomboletta…

IMG_0310

IMG_0315

Cablaggio…
img_0335

Finiteeeeeee!!!!!!!!!!!!! 
img_0337

img_0339