Crea sito

Quanto assorbente acustico usare in un reflex?

L’idea di questo scritto è nata quando, partecipando a un contest di autocostruttori un membro della giuria, noto progettista di diffusori acustici e non solo, guardando il grafico d’impedenza delle Hatt TBS, mi chiese perché le perdite del mio reflex fossero così accentuate.

Il tema non è nuovo ed è stato già trattato dalla stampa specializzata.  E’ noto che in un reflex sia meglio non esagerare con l’assorbente e il giurato palesò la sua perplessità guardando la mia realizzazione.

Spiegare il perché della mia scelta, non fu facile e sono convinto di non aver colmato in pieno i dubbi del mio interlocutore. Voglio riprendere il discorso ora, con misure alla mano.

Prenderemo in esame le Hatt SS mkII. In particolare, ho utilizzato due casse prototipali:

1. la prima con una bassa quantità di assorbente acustico;

2. la seconda con lo stesso tipo e la stessa quantità (alta) di assorbente acutico utilizzato anche nelle Hatt TBS.

IMG_0702

L’obiettivo è confrontare le misure delle due soluzioni e cercare di capire se una è meglio dell’altra.

Partiamo dalla misura d’impedenza.

Caso 1

IMP_Seas_W12_1L

Caso 2

IMP_Seas_W12_1R

 

Il primo grafico mostra l”impedenza di un reflex con basse perdite. Una curva da manuale, con i due picchi relativamente alti e stretti e il minimo tra i due picchi allo stesso livello della minima impedenza del diffusore.

Il secondo grafico, invece, è caratteristico di un reflex con alte perdite: i due picchi di impedenza si abbassano e si allargano e il minimo tra i due si trova a un livello più alto rispetto alla minima impedenza del diffusore.

Passiamo alla risposta in frequenza e osserviamo la misura in campo vicino del solo condotto reflex: ho riportato in blu la curva del caso 1 e in rosso la curva del caso 2.

Reflex_NF_1L_(blu)_1R_(red)

 

Aumentando l’assorbente, l’output del reflex diminuisce di ben 3 dB! Confrontando queste prime misure, saremmo portati a credere che la prima soluzione sia quella migliore… ma guardiamo cosa accade alle spurie in gamma media.

Il miglioramento è più evidente guardando il CSD:

Caso 1

CSD_Reflex_1L_NF

Caso 2

CSD_Reflex_1R_NFAumentando l’assorbente, l’emissione del reflex si “ingentilisce” e le spurie in gamma media spariscono letteralmente.

Lo stesso si può osservare dal CSD ricavato dalla misura in campo vicino del Seas W12.

Caso 1

CSD_Seas_W12_1L_NF

Caso 2

CSD_Seas_W12_1R_NF

 

Non aggiungo altro, voglio solo chiedervi: secondo voi, quale delle due soluzioni è migliorativa? 🙂

Nota: Vi esorto a non generallizzare quanto sopra. Ogni caso va studiato singolarmente. Ciò che può risultare ottimo per un mini diffusore a 2 vie, potrebbe non esserlo, a esempio, per un diffusore a pavimento a 3  e più vie.

Comments are closed.